Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Giornalista, direttore di Telejato, nonché vero e proprio paladino antimafia. Da qualche giorno basta nominare Pino Maniaci per vedere espressioni di incredulità. Nessuno avrebbe mai potuto immaginare che un giorno i magistrati lo avrebbero accusato di estorsione disponendo per lui il divieto di dimora nelle province di Palermo e Trapani.

Ieri sera, il celebre programma Tv Le Iene, che la scorsa settimana aveva intervistato proprio Maniaci che aveva spiegato le sue ragioni, ha deciso di non tornare sull’argomento. La scelta è stata spiegata dalla iena palermitana Pif, che conosce bene Maniaci, gli ha più volte manifestato pubblicamente solidarietà, e gli ha dedicato qualche anno fa una intera puntata del suo programma Il Testimone dall’emblematico titolo ‘Lo scassaminchia’.

In un video di poco più di un minuto, diffusa sulla pagina facebook de Le Iene Pif spiega: “Non siamo tornati sull’argomento perché la puntata di questa sera de Le Iene è stata registrata qualche giorno prima che uscissero le intercettazioni che riguardano Pino.
Ognuno di certo si è fatto una sua idea, io vorrei aspettare le giustificazioni e la difesa di Pino”.

Proprio oggi alle 12 si dovrebbe, se il gip concederà l’autorizzazione, tenere un incontro con la stampa nello studio di Palermo dei legali di Maniaci, che sono Antonio Ingroia e Bartolomeo Parrino.

Stamattina di buon’ora Maniaci è arrivato in Procura per essere sentito dagli inquirenti a proposito delle accuse che gli vengono mosse.

palermo.blogsicilia.it

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy