Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

L'associazione Nazionale Testimoni di Giustizia esprime stupore nell'avere appreso solo oggi che dopo cinque anni si scopre che ben due perizie, del Ministero dell'Interno, redatte dai loro periti, sull'attività di Ignazio Cutrò, hanno accertato che le difficoltà economiche dell'azienda sono nate dal momento delle denuncie di Ignazio Cutrò. Come sia stato possibile tutto questo non riusciamo a comprenderlo. Le perizie, che sono state redatte cinque anni fa, e che solo adesso vengono fuori proprio mentre Ignazio Cutrò si trova "alla canna del gas" non possono che causare sconcerto e amarezza. Chi ha colpevolmente taciuto sia obbligato a rendere spiegazioni e sia chiamato a rendere giustizia per l'affronto subito dalla famiglia Cutrò. Il Ministro Alfano sia chiamato in Parlamento a rispondere sull'intera vicenda che getta ombre e rivela le ingiustizie subite da chi si è sempre schierato dalla parte dello Stato cioè i testimoni di giustizia.

ARTICOLI CORRELATI

Cutrò rischia di perdere tutto e lo Stato resta a guardare

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy

Stock Photos provided by our partner Depositphotos