Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di AMDuemila - 19 luglio 2014
Palermo. "Oggi Paolo Borsellino si chiederebbe cosa trattenga l'azione di chi vuole ricercare la verità e si stupirebbe, dopo avere perduto la vita, che chi ha continuato sulla sua strada stia ancora a lottare per la verità e non comprenderebbe perché le questioni sulla giustizia siano ancora ferme o finiscano per avvantaggiare potenti o spietati boss a scapito di deboli e innocenti". E' quanto ha dichiarato il procuratore aggiunto di Messina Sebastiano Ardita che è intervenuto dal palco di via D'Amelio durante la commemorazione della strage in cui furono uccisi il giudice Borsellino e gli agenti di scorta il 19 luglio '92. "Paolo - ha quindi aggiunto Ardita - vorrebbe che fossimo dei sacerdoti della professione, e per evitare che venga ucciso una seconda volta, inseguiremo ideali di verità e giustizia".

Fonte ANSA

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy