Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

alfano-simbolo-ncd-webIl vicepresidente della commissione parlamentare Antimafia ricorda che l'editore catanese "è indagato per concorso in associazione mafiosa, turbativa d'asta e false fatturazioni".
24 marzo 2014
Roma. "Grave la visita di cortesia che il ministro dell'Interno Angelino Alfano ha fatto ieri all'editore catanese Mario Ciancio, dimenticando che Ciancio è indagato per concorso in associazione mafiosa, turbativa d'asta* e false fatturazioni". Lo dichiara il Vicepresidente della Commissione parlamentare Antimafia Claudio Fava (Sel), appena arrivato a Catania per una serie di audizioni che terranno impegnata la commissione per tutta la giornata. "Alfano scelga: o fa il leader di partito e incontra chi vuole, oppure fa il Ministro dell'Interno e in tal caso evita di porgere visita a indagati per reati di mafia. Non mancheranno occasioni, durante la missione odierna della commissione antimafia a Catania, per chiarire e approfondire", conclude.

*Ciancio in una nota ha smentito di essere indagato per turbativa d'asta

livesicilia.it

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy