Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Riferito in commissione dalla giornalista Nerina Gatti
12 dicembre 2012
Roma. Il governatore della Calabria, Giuseppe Scopelliti, avrebbe fatto delle pressioni sui dirigenti della Rai per non far andare in onda una trasmissione di inchiesta che riguardava lui e la sua amministrazione, ma le pressioni sarebbero state respinte dall'azienda di Viale Mazzini. L'episodio e' stato reso noto dal senatore Enrico Musso, presidente del Comitato scuola e legalita' della Commissione parlamentare antimafia che ha desecretato tutte le audizioni svolte durante questa legislatura in tema di condizionamento alla libera informazione.
''La giornalista Nerina Gatti ci ha detto che nell'imminenza della trasmissione di un suo servizio per la Rai che coinvolgeva Scopelliti - ha spiegato Musso parlando al Senato durante un convegno organizzato da 'Ossigeno' sulle minacce ai giornalisti - il governatore avrebbe fatto pressioni per non farla andare in onda. La giornalista ci ha anche riferito, e questo va detto ad onore della Rai, che i suoi superiori hanno respinto queste pressioni. Abbiamo segnalato questo episodio alla Commissione di
Vigilanza sulla Rai''.
Musso, che ha abbandonato il Pdl dicendosi contrario alle leggi 'ad personam' in favore dell'ex premier Silvio Berlusconi, fa parte del Gruppo Misto, e' docente all'universita' di Genova ed e' stato candidato a sindaco nel capoluogo ligure. Dalle audizioni svolte dal Comitato da lui presieduto ''e' emersa una realta' preoccupante per quanto riguarda le intimidazioni, diverse dalle minacce alla vita, che subiscono tanti cronisti, soprattutto delle realta' editoriali minori, e che ne mettono a repentaglio la qualita' della vita, le retribuzioni, i contratti di lavoro''. Musso ha inoltre evidenziato, nel suo intervento al convegno al quale ha partecipato anche il procuratore nazionale antimafia Pietro Grasso, la necessita' di ''predisporre tutele per questi cronisti minacciati 'in modo minore'''. Secondo il senatore bisognerebbe intervenire ''sulle tipologie del contratto, sulle retribuzioni ed estendendo il ricorso al segreto professionale anche da parte dei pubblicisti''.

ANSA

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy