Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

27 dicembre 2011
Palermo. “Ancora una volta Ignazio Cutrò subisce la scandalosa inefficienza dello Stato italiano. La cartella esattoriale da 85mila euro notificata al testimone di giustizia, infatti, doveva essere bloccata dalla sospensione prefettizia. Purtroppo lo Stato continua a non dare risposte esaurienti a chi ha denunciato e si è ribellato all’oppressione mafiosa mettendo a repentaglio la propria vita, e questo non può certo indurre commercianti ed imprenditori a fare la scelta giusta, ovvero denunciare”.
Lo ha detto Sonia Alfano, europarlamentare e responsabile nazionale del Dipartimento Antimafia di Italia dei Valori, commentando la vicenda che vede il testimone di giustizia Ignazio Cutrò in balia di debiti dovuti alle proprie denunce, che hanno fatto condannare la cosca Panepinto ad un totale di oltre settant’anni di carcere.
 
“Sono al fianco di Cutrò nella sua battaglia contro Cosa Nostra - ha proseguito l’europarlamentare - e soprattutto invito le istituzioni a non voltarsi dall’altra parte. Ignazio ha deciso di stare dalla parte dello Stato, dimostrandosi cittadino onesto e coraggioso, e per questo merita rispetto e sostegno. Come può Cutrò pagare i debiti - ha aggiunto - se gli è impedito persino di far ripartire la propria azienda? Lo Stato deve garantire ai testimoni di giustizia non solo la sicurezza personale - ha concluso - ma anche la propria gratitudine. Con fatti concreti e massima attenzione su ogni singolo caso”.

Visita: soniaalfano.it

ARTICOLI CORRELATI

- Ignazio Cutro': ''Pronto ad iniziare sciopero della fame e della sete''

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy