Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

 


28 ottobre 2011
Palermo.
Si terrà il 16 dicembre, davanti al gup di Palermo Gianluca Francolini, l'udienza preliminare a carico del senatore del Pdl Antonio D'Alì, accusato di concorso in associazione mafiosa.

La Procura per due volte ha chiesto l'archiviazione dell'inchiesta e per due volte, invece, il gip ha disposto nuove indagini. La scorsa settimana il pm Paolo Guido e l'aggiunto Teresa Principato hanno chiesto il rinvio a giudizio del politico trapanese. A D'Alì, ex sottosegretario all'Interno e presidente della commissione Ambiente del Senato, i magistrati contestano «di avere messo a disposizione di Cosa nostra le proprie risorse economiche e successivamente il proprio ruolo istituzionale di senatore e di sottosegretario» e di avere «intrattenuto fin dai primi anni '90, anche ai fini della ricerca del sostegno elettorale, rapporti diretti o mediati con esponenti di spicco della mafia come il superlatitante Matteo Messina Denaro e il boss Vincenzo Virga».

ANSA

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy