Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

"Dobbiamo essere noi, società civile, e voi ragazzi a lavorare. Non dobbiamo girarci dall'altra parte, dobbiamo essere vigili, stare attenti, guardarci intorno per capire cosa accade sul nostro territorio e avere il coraggio di denunciare. In questo modo daremo una mano ai magistrati e alle forze dell'ordine". Lo ha detto oggi a Trani Tina Montinaro, la vedova di Antonio Montinaro, caposcorta del magistrato Giovanni Falcone ucciso nella strage di Capaci, in occasione dell'esposizione in piazza Duomo dei resti dell'auto usata dalla scorta, denominata 'Quarto Savona 15'. "Non possiamo demandare agli altri. È troppo comodo. Tutti noi dobbiamo lottare contro la mafia che non è finita, non è sconfitta, ha cambiato volto e si è evoluta", ha detto ancora, "dobbiamo essere dei bravi cittadini. Dobbiamo essere capaci di essere diversi e cambiare le cose. Noi siamo capaci".

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Mafia: Matteo Messina Denaro latitante di Stato

Pettinari: ''Il sangue di Falcone e Borsellino versato per nascita Seconda Repubblica''

Strage di Capaci, Report: su Delle Chiaie e Lo Cicero spariti documenti e registrazioni

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy