Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

"L'introduzione della legge Rognoni-La Torre ha richiesto sangue di servitori dello Stato per essere approvata e non bastò neanche quello del deputato che l'aveva proposta, fu necessario attendere l'omicidio annunciato del Generale Carlo Alberto dalla Chiesa per determinare l'urgenza politica che impose l'approvazione". Così al Gr1 Rai Giovanni Melillo, Procuratore nazionale antimafia. "La legge - ha osservato Melillo - ha costituito un modello di contrasto alla criminalità mafiosa che, a distanza di 40 anni, denota ancora di essere avanzato e moderno, dunque efficace". Il carcere duro ai mafiosi, ha aggiunto poi il procuratore, “è una norma che esprime bene tutti i valori simbolici dei quali è intrisa la legislazione antimafia italiana, l'efficacia dell'azione dello Stato dipende anche dalla difesa di valori emblematici della nostra attuale legislazione".

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy