Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Uno spacciatore 'autonomo', non nel sistema ma che dal sistema doveva prendere droga e avere il permesso di spacciare. Come un libero professionista Cesare Divano si muoveva nel quartiere di Napoli di Pianura, quartiere nella zona occidentale di Napoli. Lo stesso faceva il fratello Francesco, solo che nel luglio del 2021 commise qualche errore e così fu gambizzato. La Squadra Mobile di Napoli ha arrestato oggi Cesare, 21 anni, latitante da meno di un mese. Non era tanto lontano dal suo quartiere di origine. Era sfuggito al blitz di luglio scorso, risposta dello Stato dopo le 'stese', raid con spari in aria, gli agguati e il brutale omicidio di Andrea Covelli a metà luglio, nel quale furono arrestati affiliati di boss ai due gruppi da mesi in guerra nel quartiere, i Calone-Esposito-Marsicano e i Carillo-Perfetto. Divano era vicino alla prima consorteria malavitosa.

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy