Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

È stato assegnato a Giuseppe Antoci, ex presidente del Parco dei Nebrodi e attuale presidente onorario della Fondazione Caponnetto, il premio 'Costruttori di legalità', giunto alla sua quattordicesima edizione. La cerimonia si è tenuta sabato scorso a Bianchi, in provincia di Cosenza. Antoci, che nel maggio del 2016 è scampato a un attentato mafioso, è stato premiato per "il tenace impegno e l'alto senso del dovere nel quotidiano contrasto alla criminalità organizzata in difesa della comunità civile e delle Istituzioni". Il riconoscimento negli anni scorsi è stato destinato, fra gli altri, anche all'ex procuratore di Trapani Alfredo Morvillo, fratello di Francesca anche lei magistrato e moglie di Giovanni Falcone uccisa nella strage di Capaci. "Sono onorato di ricevere questo riconoscimento. La Calabria è una terra bellissima e la 'Ndrangheta ruba sogni e speranze. Schieratevi", ha detto Antoci. Per anni i boss hanno intascato fondi europei per l'agricoltura. Un meccanismo interrotto da protocollo che Antoci ha fortemente voluto e che oggi continua ad essere applicato in tutta Italia. Quello strumento, recepito nei tre cardini del nuovo Codice antimafia e votato in Parlamento il 27 settembre 2015, ha posto le basi per una normativa che consente a magistratura e forze dell'ordine di porre argine a una vicenda che durava da tanti anni. In questi mesi si sta celebrando il maxiprocesso Nebrodi che nasce dall'operazione del 15 gennaio 2020 con 94 arresti e il sequestro di 151 aziende agricole per mafia. Il 15 luglio scorso sono arrivate le richieste di condanne per 1045 anni di carcere e 30 milioni di euro di confische.

Foto © Deb Photo

ARTICOLI CORRELATI

Giuseppe Antoci: ''I boss mafiosi non possono vincere''

Giuseppe Antoci in Abruzzo racconta ''La mafia dei pascoli''

Antoci: ''Dia strumento lungimirante per lotta a boss''

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy