Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

"Da tempo in commissione Antimafia sto lavorando assieme alla mia collega Stefania Ascari al caso #AttilioManca. L'intercettazione pubblicata ieri da Antimafia Duemila, se confermata, dà forza al lavoro intrapreso e ci obbliga a pretendere che la magistratura riapra il caso". Lo afferma, in un post su Fb, la deputata del gruppo Misto della Commissione parlamentare Antimafia Piera Aiello. "La morte di Attilio non è stata casuale e l'ipotesi che il giovane, brillante urologo sia stato ucciso per volontà di Bernardo Provenzano prende sempre maggiore consistenza - conclude - Non voglio fare polemiche su quanto stabilito nella relazione di maggioranza della commissione che si occupò del caso prima di noi. Ma adesso è il momento di pretendere verità e giustizia!".

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Ingroia: ''Intercettazione su Attilio Manca? Se confermata verità enorme che conferma matrice delitto''

Caso Manca: ''Fate la doccia al dottore'', gli uomini di Provenzano ordinarono la morte di un medico

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy