Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Il gup di Roma ha emesso le prime condanne in relazione all'operazione 'Reset' dalla Dda di Roma e dei poliziotti della Squadra Mobile di Latina che, nel febbraio dello scorso anno, portarono agli arresti di 19 persone. Oggi, in abbreviato, sono stati condannati Francesco Viola a 16 anni e Giovanni Ciavarino a 10 anni e 8 mesi. Nell'operazione, coordinata dai procuratori aggiunti Michele Prestipino e Ilaria Calò, e dai pm Luigia Spinelli e Corrado Fasanelli, fu smantellata un'organizzazione criminale che riforniva le piazze di spaccio di Latina e dintorni: oltre a Ciavarino e Viola, altre 17 persone furono arrestate, accusate di far parte di un'associazione per delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, aggravata dal metodo mafioso. A Ciavarino si contesta la partecipazione all'organizzazione mentre Viola è accusato anche di diversi episodi di estorsioni, con l'aggravante del metodo mafioso. Aggravante che è stata riconosciuta oggi dal gup di Roma.

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy