Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

"La sola idea che Casa Felicia possa tornare nelle mani dei Badalamenti è aberrante e non ci sono errori procedurali che tengano contro il valore negativo che una simile prospettiva potrebbe avere". Queste le parole del Presidente della Fnsi, Giuseppe Giulietti (in foto), che a nome della comunità dei giornalisti italiani ed insieme ad Articolo 21 lancia un appello perché l'Agenzia nazionale dei beni confiscati ed il Ministero dell'Interno intervengano per scongiurare l'ipotesi, purtroppo non remota, che l'immobile torni ai suoi "proprietari originari" cui è stato tolto non solo perché frutto di proventi mafiosi ma anche per trasformarlo in ciò che è diventato oggi, un luogo della speranza dove si tengono iniziative di promozione di legalità, insomma un simbolo della lotta alla mafia oltre che di memoria di Peppino Impastato. "Vogliamo essere accanto a Giovanni Impastato e a tutte le donne e gli uomini che si impegnano per combattere la mafia che sono i veri proprietari della casa", conclude Giulietti. L'appello è stato già firmato dal direttivo di Articolo 21 ed è aperto ad altre adesioni.

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy