Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

«Oggi in commissione antimafia audiremo il colonnello Maiello, comandante della polizia municipale di Pomigliano d’Arco, sugli incendi delle autovetture di servizio date alle fiamme lo scorso gennaio. Un atto di ritorsione nei confronti di chi sta cercando di mettere un freno alle speculazioni edilizie in aree fortemente vincolate, che però continuano ad essere deturpate grazie alle autorizzazioni concesse dalle amministrazioni. Questo perché con il cambio di destinazione d’uso i vincoli sono facilmente aggirabili. Occorre un intervento immediato dello Stato». Lo dichiara Piera Aiello, membro della commissione Antimafia e deputata sotto scorta per minacce mafiose. «L’abusivismo edilizio nell’area vesuviana sta creando un’economia che è appannaggio esclusivo del crimine organizzato. Proporrò una cabina di regia istituzionale per cercare di arrestare il fenomeno e per questo sono in attesa della convocazione del prefetto di Napoli. Nel frattempo voglio ricordare i martiri sociali vesuviani che hanno perso la vita per sfidare la prepotenza della Camorra in queste aree: Il dottor Beneventano, l’avvocato Cappuccio e il dottor Marcello Latorre». Conclude.

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy