Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

A dodici anni dalla sua morte la città di Milano ha ricordato Lea Garofalo, la testimone di giustizia sequestrata e uccisa dal suo ex compagno e dalla 'Ndrangheta dopo che aveva scelto di allontanarsi dalla famiglia e collaborare con i magistrati.  Il coordinamento milanese di Libera, insieme al Comune di Milano e al Presidio di Libera "Lea Garofalo" ha organizzato una fiaccolata in sua memoria dall'Arco della Pace fino a viale Montello, nel giardino antistante alla casa dove Lea Garofalo ha vissuto, uno spazio un tempo degradato e oggi recuperato alla vita sociale e intitolato alla sua memoria. "Milano, la città che Lea scelse fuggendo dalla Calabria, ha il dovere di ricordare chi è stata vittima due volte: della mafia e della violenza contro le donne" ha sottolineato l'assessore ai Servizi Civici e Generali de Comune di Milano, Gaia Romani. "A distanza di dodici anni, la sua eredità continua a essere un monito per le istituzioni e un esempio per tante donne che trovano la forza di ribellarsi e liberarsi dall'oppressione mafiosa. Dodici anni dopo il suo sorriso è più vivo che mai, in quello di sua figlia Denise, a cui va il nostro affetto, e soprattutto nel nostro impegno contro ogni forma di crimine organizzato e a difesa della legalità".

ARTICOLI CORRELATI

Storia di Lea Garofalo e sua figlia Denise: dalle catene della 'Ndrangheta alla libertà

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy