Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Gestivano bar e hotel sulla spiaggia nascondendosi dietro prestanome e facevano pressioni sulla concorrenza spacciandosi per appartenenti alla 'Ndrangheta. Li ha scoperti la Guardia di Finanza di Rimini in collaborazione con quella di Cosenza e Taranto, al termine di un'inchiesta che ha portato all'iscrizione nel registro degli indagati di 8 persone, tutte di origine calabrese trasferitesi sulla riviera romagnola per lavoro, accusate a vario titolo di estorsione, detenzione e porto illegale di arma da sparo oltre che per intestazione fittizia di beni. I militari hanno accertato che gli 8 avevano la gestione, attraverso prestanomi, di cinque hotel, un chiringuito e una società operante nel settore degli allestimenti fieristici a Rimini, Forlì-Cesena e Siena. La procura ha anche disposto il sequestro delle quote sociali e dei beni aziendali di sei società e una ventina di perquisizioni domiciliari.

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy