Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Il sindaco di Palermo Leoluca Orlando e rappresentanti delle istituzioni civili e militari della città hanno partecipato questa mattina, nella piazza di Baida, alla cerimonia "Non omnis moriar", in memoria di tutti i caduti per la giustizia. L'evento è stato patrocinato dal Comune e organizzato dall'associazione per onorare la memoria dei caduti nella lotta contro la Mafia, presieduta da Carmine Mancuso, Andrea Piazza e dal referente culturale Giovanni Taormina. Davanti all'entrata del Monastero sono state piantumati quattro alberi di arance amare, intitolate al maresciallo ordinario di Polizia Penitenziaria "Medaglia d'Oro alla Memoria", Calogero Di Bona, al maresciallo maggiore dei Carabinieri "Medaglia d'Oro alla Memoria", Vito Ievolella, al maresciallo di Polizia e consulente della Commissione Antimafia Parlamentare Nazionale "Medaglia d'Oro alla Memoria", Lenin Mancuso, e al finanziere scelto e "Medaglia d'Oro alla Memoria", Vincenzo Mazzarella. "La memoria consente di mantenere in vita chi se ne è andato - ha detto il sindaco Orlando - ma soprattutto di ricordare coloro che sono stati vittime della criminalità e della Mafia. L'associazione presieduta da Carmine Mancuso, figlio di Lenin, ricorda quattro di queste vittime innocenti con quattro alberi. E' l'inizio di un percorso che l'associazione intende promuovere nella Città di Palermo. Tutti, nessuno escluso, devono essere ricordati. E la memoria, inoltre, è impegno attivo per mantenere alta l'attenzione nella lotta alle mafie".

Frame tratto da palermo.gds.it

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy