Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

"L'attività che si è sviluppata a Torino è particolarmente significativa. Si è rilevata anche la presenza di un appartenente alla polizia penitenziaria infedele che favoriva la 'Ndrangheta all'interno del carcere". A dirlo il procuratore nazionale antimafia, Federico Cafiero De Raho, nel corso della conferenza stampa sull'operazione 'Platinum Dia' che ha portato a smantellare una rete europea legata alla 'Ndrangheta. "Il primo filone investigativo - ha aggiunto - ha approfondito l'operazione Cerbero sulla presenza nell'economia delle proiezioni della locale di Volpiano. Le società individuate avevo un rilievo di grande significato. Per esempio, la società immobiliare gestiva beni che consentivano poi ai contigui, vicini intranei all'ndraghenta di ottenere ospitalità e coperture. Non solo. Queste attività economiche consentivano anche di offrire ai detenuti, che chiedevano misure alternative di detenzione, un lavoro, e quindi la possibilità di fruire delle misure alternative alla detenzione".

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

‘Ndrangheta, maxi-operazioni antimafia: arresti in Germania, Romania e Spagna

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy