Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

"Giuseppe Condorelli è una persona coerente con quello che ha fatto, è un esempio che aiuta", che "va nella direzione da noi auspicata da tempo" e "spero che tanti facciano come lui". Così il procuratore di Catania, Carmelo Zuccaro, ha risposto all'ANSA, sull'imprenditore titolare dell'omonima azienda dolciaria che ha denunciato ai carabinieri un tentativo di estorsione mafiosa, come emerso dall'operazione 'Sotto scacco' di ieri, con 40 arresti eseguiti da militari dell'Arma, contro clan legati alla 'famiglia' Santapaola-Ercolano di Cosa nostra. "Senza la collaborazione delle vittime - ha evidenziato il magistrato che ha coordinato l'inchiesta della Dda - abbiamo dei limiti oggettivi nell'indagare e non si riesce a scardinare il fenomeno. Quello di Condorelli è un esempio da seguire" "Se sono ottimista? Lo devo essere per professione - osserva il procuratore Zuccaro - ci sono luci ed ombre. Il futuro dipende dalla cultura e dalla conoscenza di ciascuno di noi, e sotto questo punto di vista siamo ancora indietro. Esempi del genere aiutano, ma la differenza la fa la cultura".


I clan contro Condorelli: "Facciamo danno, non ha mai pagato"

Estorsore intercettato da carabinieri in inchiesta Dda Catania
di AMDuemila
Un messaggio con errori di ortografia e sgrammaticato, ma dal significato chiaro: "Mettiti a posto ho ti faccimo saltare in aria cercati un amico". E' l'intimidazione fatta trovare, nel marzo del 2019, da clan legati alla 'famiglia' Santapaola-Ercolano davanti la sede di Belpasso del re dei 'torroncini', Giuseppe Condorelli, diventato famoso, oltre che per la qualità dei suoi prodotti dolciari, anche per lo spot televisivo di Leo Gullotta: "cavalier Condorelli e' stato un vero piacere...". Dopo essere stato avvisato della minaccia l'imprenditore ha denunciato il tentativo di estorsione ai carabinieri. Come avevano già fatto in altri casi simili. L'episodio è emerso nell'ambito dell'inchiesta 'Sotto scacco' della Dda di Catania sfociato ieri nel blitz dei carabinieri del comando provinciale etneo con 40 arresti. Tra gli indagati anche Daniele Licciardello, indicato come esponente di vertice del gruppo di Belpasso, accusato del tentativo di estorsione. I carabinieri lo intercettano il mese successivo mentre al telefono parla dell'imprenditore: "Gli dobbiamo fare un po' di danno a Condorelli - afferma - a Condorelli anche mbare (compare, ndr)". E al suo interlocutore che gli chiede "ma perché Condorelli non vuole pagare?", lui replica "niente, gli ho messo le bottiglie, cose, niente...". L'interlocutore pone un altro quesito: "non vuole pagare più?". La risposta di Licciardello è netta: "non è che non vuole pagare, non ha mai pagato...". L'intercettazione è contenuta nell'ordinanza di custodia cautelare di 2.586 pagine emessa dal Gip Maria Ivana Cardillo su richiesta della Dda della Procura di Catania ed eseguita dai carabinieri del comando provinciale del capoluogo etneo.

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy