Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

“E' passato da poco il 21 marzo e non manca molto al 23 maggio, lo smantellamento delle norme antimafia che i mafiosi temono non è certo un bel modo di ricordare i nostri eroi uccisi dalla mafia”

Nella udienza pubblica alla Consulta l’Avvocato di Stato ha aperto alla liberazione condizionale ai condannati all’ergastolo ostativo. Ha chiesto, infatti, ai giudici di non dichiarare incostituzionali le norme (art. 4bis e 58ter o.p.; legge 203/91), ma di lasciare al magistrato di sorveglianza la possibilità di giudicare caso per caso le ragioni della mancata collaborazione che è condizione per ottenere il beneficio.
La conseguenza sarebbe che il giudice, dopo 26 anni di carcere, può concedere la libertà vigilata anche ai boss irriducibili senza che abbiano mai manifestato alcuna intenzione di collaborare con la giustizia.

In attesa della decisione della Corte, dovrebbe uscire in giornata, Salvatore Calleri, presidente della Fondazione Antonino Caponnetto ha rilasciato la seguente dichiarazione stampa:

“Ammorbidire de facto l'ergastolo ostativo e passare successivamente ad una revisione del 41bis rappresenta una "cuccagna" per i mafiosi ed i loro boss.
È passato da poco il 21 marzo [giornata nazionale in ricordo delle vittime innocenti della mafia] e non manca molto al 23 maggio [anniversario della strage di Capaci del 1992], lo smantellamento delle norme antimafia che i mafiosi temono non è certo un bel modo di ricordare i nostri eroi uccisi dalla mafia.
Una regola basilare nel combattere la mafia sarebbe quella di non alleggerire o abolire le norme che i mafiosi non amano. È evidente che oggi la mafia non la si vuole combattere più.
Il messaggio che si manda è nefasto specie nel momento in cui stanno per arrivare i miliardi del recovery fund.
Chi ha orecchie per intendere intenda, chi può intervenire intervenga sennò la mafia avrà vinto l'ennesima battaglia importante”.

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy