Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

La Dia di Messina sta eseguendo un decreto di confisca emesso dal Tribunale di Messina - Sezione Misure di Prevenzione, nei confronti del patrimonio dell'imprenditore di Naso, Nunzio Ruggeri, operante nei settori della macellazione e della commercializzazione all'ingrosso di pellame.
"Il provvedimento - afferma la Direzione investigativa Antimafia - scaturisce da complesse indagini economico-finanziarie coordinate dalla Procura della Repubblica peloritana". Nunzi Ruggieri è stato condannato definitivamente nel 2009 per vicende risalenti agli anni 1998/2000. La sua "caratura" criminale, spiegano gli investigatori, si desume anche "dalle dichiarazioni del collaboratore di giustizia Santo Lenzo, legato ai sodalizi mafiosi nebroidei, che lo avrebbe indicato quale soggetto vicino ai vertici della criminalità organizzata 'tortoriciana'". "Ruggieri nell'anno 1999, tramite Carmelo Armenio referente del gruppo sul territorio di Brolo (ME) - aveva chiesto che fossero incendiati i mattatoi di Sinagra, Barcellona Pozzo di Gotto e Giammoro, impegnandosi, nel contempo, a versare lire 50.000.000 all'organizzazione mafiosa". Si trattava, insomma, di fare letteralmente terra bruciata di attività economiche concorrenti, ma poi lo stesso progetto era andato in fumo "per l'opposizione dei rappresentanti della criminalità organizzata barcellonese". Ruggieri, spiega ancora la Dia, aveva "smisurate disponibilità economiche" derivanti dall'usura ma dichiarava redditi incompatibili con queste e le celava intestando i beni ad appartenenti alla propria famiglia. Il provvedimento di confisca ha interessato compendi aziendali, beni immobili, beni mobili registrati e rapporti finanziari.

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy