Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

"Nonostante fosse sottoposto al 41 bis, il boss mafioso Giuseppe Scarvaglieri ha continuato a essere un punto di riferimento per le attività del clan Scalisi - Laudani anche e soprattutto attraverso i colloqui con il nipote Salvatore Calcagno presso l’istituto di reclusione. Questo è emerso dell’operazione “Follow the money”, con cui la Guardia di Finanza di Catania in collaborazione con lo Scico (Servizio Centrale di investigazione sulla criminalità organizzata) ha portato alla luce gli investimenti dei proventi illeciti del clan Scalisi - Laudani, eseguito cinque arresti e sequestrato imprese, quote societarie, immobili e terreni tra la Sicilia e il Nord Est dell’Italia per un valore di 50 milioni". A dirlo Stefania Ascari, deputata del M5S e membro delle Commissione Giustizia e Antimafia. "Ovviamente - ha concluso - vanno fatti i complimenti alla Guardia di Finanza di Catania per l'ottimo lavoro svolto. Ancora una volta, però, dobbiamo interrogarci sul perché il processo di rieducazione fallisca e su dove dobbiamo agire per rendere il 41bis maggiormente efficace e infallibile".

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Falla al 41 bis: boss gestiva dal carcere un impero economico nel Nord-Est

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy