Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

"Adesso applicare Regolamento Europeo entrato da pochi giorni in vigore”

Dalle prime luci dell’alba i Carabinieri del Ros, col supporto in fase esecutiva dei Comandi Provinciali Carabinieri territorialmente competenti, hanno eseguito un'ordinanza applicativa di misure cautelari emessa dal Tribunale di Roma, su richiesta della Procura Distrettuale Antimafia, nei confronti di 11 persone ritenute responsabili di trasferimento fraudolento di valori, bancarotta fraudolenta, autoriciclaggio, reati commessi per agevolare l'associazione mafiosa ''cosa nostra".
Nel medesimo contesto dell'operazione denominata "Gerione" è stato eseguito un provvedimento di sequestro dei beni.
“Complimenti alla Procura Distrettuale di Roma e ai Carabinieri del Ros per l’importante operazione messa a segno stamani. L’operazione dimostra la forza economico-finanziaria di cosa nostra. Adesso è necessario spingere sull’applicazione del Regolamento Europeo su sequestri e confische da qualche giorno entrato in vigore dopo più di due anni dalla sua approvazione. Lo stesso consentirà di attaccare i patrimoni dei mafiosi e dei loro fiancheggiatori anche all’estero” - così Giuseppe Antoci, Presidente Onorario della Fondazione Caponnetto ed ex Presidente del Parco dei Nebrodi, scampato ad un attentato mafioso nel maggio 2016.
Quello dei sequestri dei beni all’estero è sempre stato un problema da risolvere nella lotta alle mafie, uno dei punti essenziali che avrebbe consentito di attaccare i loro patrimoni anche fuori dall’Italia.
Il Regolamento UE 2018/1895 relativo al riconoscimento reciproco dei provvedimenti di congelamento e di confisca, approvato dal Parlamento Europeo e dal Consiglio il 17 ottobre 2018, adesso è ufficialmente entrato in vigore.
Il Regolamento è applicabile per tutti i provvedimenti di congelamento e di confisca emessi nel quadro di un procedimento penale ed anche per tutti quelli emessi nell’ambito di procedimenti di prevenzione, disciplinati dal Codice Antimafia.
Sul piano operativo, con l’entrata in vigore del regolamento, adesso il Pubblico Ministero o il Giudice che dispone il sequestro o la confisca deve trasmettere il provvedimento all’autorità dello Stato estero che dovrà eseguirlo. L’autorità estera ne dà esecuzione a meno che non adduca motivi di non riconoscimento, debitamente previsti nel regolamento approvato. In Italia il Ministero della Giustizia è stato designato quale autorità alla quale è stata demandata la trasmissione e ricezione amministrativa dei certificati di congelamento e confisca.
“L’entrata in vigore del Regolamento - continua Antoci - è’ una notizia importantissima e di grande impatto che potrà certamente aiutare la Magistratura italiana ad attaccare con forza i patrimoni liquidi allocati all’estero dalle mafie ed anche quelli immobiliari. L’operazione di oggi ci dimostra quanto cosa nostra sia addentro alle operazioni finanziarie e di business”.
“In occasione dell’approvazione della Risoluzione Falcone avevo auspicato una maggiore Cooperazione internazionale sulla lotta alle mafie. Mi sembra che questo passo avanti vada nella direzione del salto di qualità che occorre fare per consentirci di affrontare il tema della lotta alle mafie come problema globale” - conclude Antoci.

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Mafia: bar gestiti da Cosa nostra a Roma, 11 arresti

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy