Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Plauso dell’associazione nazionale “Sos Impresa - Rete per la Legalità”, nella persona di Pippo Scandurra, vice-Presidente vicario, e della “Rete per la Legalità - Sicilia”, rappresentata dal suo presidente Pippo Foti, per l’operazione antimafia "Bianco Oro" condotta dal Comando Provinciale Carabinieri di Agrigento e dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Palermo.
«Ancora una volta lo Stato garantisce libertà e dignità al territorio - afferma Eugenio Di Francesco, referente della “Rete per la Legalità - Sicilia” per le provincie di Agrigento, Caltanissetta ed Enna, commentando l’operazione antimafia "Bianco Oro" condotta dal Comando Provinciale Carabinieri di Agrigento e dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Palermo - liberando da condizionamenti mafiosi un territorio che molto spesso è prigioniero e schiavo di gente che utilizza la forza e la violenza per soffocare imprenditori, gestendo l'oro bianco della droga, riciclando denaro sporco attraverso prestiti di denaro a usura e cercando uomini dai colletti bianchi per gestire il denaro pubblico. È importante una forte presa di coscienza della società civile, alzare la testa e la voce per abbattere il muro di silenzio e di omertà.
Un’operazione del genere, capace di scardinare un sistema dedito alle estorsioni, traffico di droga e ai lavori pubblici, ci fa capire che non è possibile delegare tutto alle forze dell'ordine o alla magistratura. La presenza dello Stato è in ognuno di noi, occorre essere operatori di libertà.
«L'associazione antiracket “Rete per la Legalità - Sicilia” è a disposizione di ogni singolo imprenditore, è accanto a tutti coloro che decidono di mettersi dalla parte della giustizia e della legalità che solo nello Stato può trovare protezione e sostegno. Un popolo che rimane in silenzio - aggiunge De Francesco - è un popolo complice di un sistema malato e corrotto che è la mafia. L'invito è quello di collaborare, denunciare e non piegarsi mai al prepotente mafioso di turno. Vediamo nelle caserme, nelle questure, nei commissariati, nei comandi della Guardia di Finanza le nostre case, i luoghi di presidi di legalità, case di libertà e di giustizia. Collaborare insieme per contribuire a un vero riscatto di giustizia e legalità per essere protagonisti autentici in un nuovo cambiamento culturale».

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy