Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

A venticinque anni dalla morte del piccolo Giuseppe Di Matteo anche il presidente della commissione parlamentare Antimafia, Nicola Morra, ha voluto esprimere un pensiero: "Spesso si sente dire che la mafia sia nata sulla base di codici d'onore, a difesa di valori antichi, per imporre quei valori di giustizia che lo Stato non assicura. Tanti, ancora oggi, si rivolgono ad uomini d'onore per ottenere giustizia, lavoro, riconoscimento di diritti negati, perché la mafia è stata capace di costruire intorno a sé un ampio consenso sociale, diffondendo falsi miti, come quello che essa sia nata a difesa della 'famiglia', avendo un sacro rispetto di donne e bambini. Che lo si vada a dire ai familiari di Giuseppe Di Matteo, soffocato e poi sciolto nell'acido affinché non rimanesse traccia del suo cadavere 25 anni fa, dopo esser stato rapito 779 giorni prima, quando aveva neanche 13 anni, per dissuadere il padre dal collaborare con gli inquirenti fornendo informazioni decisive per contrastare Cosa Nostra".

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Giuseppe Di Matteo, il sacrificio di un bambino che ha vinto Cosa nostra

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy