Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di AMDuemila
Le grida contro gli agenti: “Io a voi vi sgozzo come maiali”

Lo scorso 17 giugno il boss di Cosa nostra Giuseppe Fanara con un morso ha staccato un dito ad un agente della polizia penitenziaria e “forse se lo è mangiato”. Il boss mafioso, che da 9 anni si trova rinchiuso al 41bis, per il grave gesto gli è stata notificata una nuova misura cautelare per i reati di lesioni aggravate, lesioni gravissime e resistenza, come riferisce Il Messaggero. L’uomo, 60 anni, è stato uno degli esponenti di Cosa Nostra più temuti in Sicilia e per questo è stato condannato all’ergastolo. Dalle ricostruzioni emerge che il boss ha dato in escandescenze al termine di un controllo nella sua cella e si è avventato su sette poliziotti della penitenziaria, aggredendoli. Prima ha afferrato per il collo uno degli agenti e, buttandolo a terra, ha intrapreso una lotta con lui, sferrandogli un pugno al volto. Poi, al culmine della rissa, lo ha morso, staccandogli il mignolo della mano destra, che non è stato più ritrovato: per questo gli inquirenti sostengono che lo abbia inghiottito. Poi si è avventato sugli altri sei poliziotti, intervenuti in difesa del collega. Ci sono volute due ore per calmare il boss, che ha usato anche il bastone di una scopa come arma. "Io a voi vi sgozzo come maiali", avrebbe urlato a più riprese nei confronti degli agenti che, alla fine, sono riusciti a immobilizzarlo e disarmarlo.
Dopo l’episodio si è deciso di trasferire il boss da Rebibbia al carcere di massima sicurezza di Sassari.

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy