Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di AMDuemila
"E' un sistema penale che è andato in crisi nel suo elemento centrale e cioè nell'esecuzione penitenziaria. Sono usciti moltissimi boss e ciò dà l'impressione che non tenga il sistema. Questo è il punto”. Sono queste le parole del consigliere togato, Sebastiano Ardita, a 24Mattino di Simone Spetia e Maria Latella su Radio 24 sulle scarcerazioni degli ultimi mesi. Riguardo alla scarcerazione di Carminati, Ardita ha detto che “occorre una riforma che renda più semplice tutto il sistema penale, perché i cittadini comunque non capiranno la circostanza per cui un personaggio ritenuto pericoloso venga scarcerato per motivi di forma. E' incomprensibile per i cittadini, quindi una riforma va fatta e in modo sostanziale. E' un sistema penale che è in sofferenza perché ci sono moltissimi reati e si paga per molto poco”. Secondo il magistrato catanese “ci sono responsabilità è ovvio, abbiamo una sezione disciplinare molto rigorosa che si occupa anche di queste cose. L'errore umano va punito senza sconti, ma va tenuto in considerazione l'errore di sistema, perché noi abbiamo un sistema sbilanciato". Sempre riguardo alle rivolte penitenziarie. il consigliere togato ha detto che “bisogna capire se le carceri sono ancora sotto il controllo dello Stato' sulla base di dati che denunciano un'impennata dei reati commessi in carcere e un'impennata del disagio in carcere. Di certo il controllo della sicurezza è insufficiente e molto più carente rispetto al passato. Dunque bisogna interrogarsi perché le rivolte non sono avvenute per caso, sono avvenute perché c'erano condizioni che non hanno consentito il controllo delle carceri, altrimenti non sarebbero avvenute".
Il magistrato ha anche parlato della scelta compiuta ieri a maggioranza dal plenum del Csm con la nomina di Raffaele Cantone alla guida della procura di Perugia. "Abbiamo ritenuto che Masini fosse la figura più adatta, che avesse più titoli, ma sicuramente Cantone sarà un ottimo procuratore capo a Perugia”.

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Sebastiano Ardita: ''Capire se le carceri sono ancora sotto il controllo dello Stato''

Dap e circolare 21 marzo, Romano: ''C'era l'ok di Basentini e poi ministro espresse apprezzamento''

Dap e scarcerazioni, Ardita: ''Circolare 21 marzo? Non l'avrei mai firmata''

Scarcerazioni, il Dap e la circolare del 21 marzo. In Antimafia sentita Borzacchiello

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy