Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di AMDuemila
"Non mi credeva nessuno 6 anni fa. Io non ho mai smesso di crederci e di lottare. Mai. Lo dovevo ai miei figli. Contro tutto e tutti. Lo sapevo chi era Roberto Spada e di cosa era capace. Oggi 13 novembre 2019 lo sanno tutti. Evviva la vita. Evviva la verità".
Federia Angeli, giornalista di Repubblica tra le prime a denunciare le violenze del clan ad Ostia, ha commentato così, su twitter, la condanna definitiva di Roberto Spada per la testata al giornalista Daniele Piervincenzi.
"È confermato dalla Cassazione: Roberto Spada è mafia. Colui che faceva appostamenti sotto casa mia e per anni ha spaventato i miei figli. L''uomo' che Marsella di Casapound ha sostenuto con feste di quartiere a Ostia è mafia. Lollo, Ale e Viola, vinciamo noi. Vi amo", ha scritto ancora ancora la giornalista citando il titolo del libro, "Il gioco di Lollo", che ha scritto per raccontare la sua storia.

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy