Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Siamo veramente arrivati alla deriva più totale oppure sono io che in questo Paese sempre più strano sono anormale?
Come si può permettere che in provincia di Napoli si sparino fuochi d'artificio in una pubblica piazza? La gravità maggiore è che il tutto viene fatto in onore di appartenenti alla criminalità organizzata scarcerati.
No, questo non può continuare ad accadere. Lo Stato dov'è?
Le autorità competenti per territorio dov'erano? Non è passabile una cosa del genere.
Veramente allora gli unici "fessi" sono quelli che la Camorra la denunciano a proprio rischio e pericolo?
Come se non bastasse tutto ciò diventa show per la D'Urso ed audience per Mediaset.
Ma come può il male criminale d'Italia finire sempre più spesso per far parlare di se mentre per chi denuncia e lo combatte, vengono realizzate al massimo due righe in occasione della sua morte prematura per mano criminale?
Questa Italia non va. Questo popolo è allo sbando.

Luigi Coppola
Vittima di reati mafiosi, testimone di giustizia e presidente associazione antiracket Movimento per la lotta alla criminalità organizzata

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy