Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Roma. "Ma che mondo e'? Praticamente l'Europa informa che hanno abolito il vero ergastolo, l'unico vero deterrente per frenare la violenza dei mafiosi". Lo afferma in un'intervista al Corriere della Sera Rosaria Schifani, vedova di uno dei tre agenti morti con Giovanni Falcone a Capaci, commentando la sentenza dei giudici di Strasburgo che invita l'Italia a modificare l'ergastolo ostativo. "Meglio chiamarlo il vero ergastolo - osserva - come non capiscono i giudici della Corte europea. Perche' le altre condanne a vita sono una finzione. L'ergastolo ostativo ce lo portiamo noi addosso. Noi familiari di vittime innocenti. Mentre i nostri morti per Strasburgo non hanno valore". Schifani denuncia che "il vero ergastolo non c'e' piu'. Non commetti altri reati in carcere, mostri un atteggiamento remissivo, dai qualche informazione ed ecco la pena scendere a vent'anni o anche meno. La morte di una persona vale venti anni? Ma almeno in questi casi qualcosa devi confessare o rivelare. Adesso - osserva - si rischia di eliminare il 'fine pena mai' pure per chi non offre notizie, per chi non si pente, per chi non chiede perdono. Un modo per garantire permessi premio e misure alternative a tutti”.

AGI

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy