Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Oggi sta girando un attacco a Piera Aiello, il cui impegno antimafia è serissimo, in merito a questioni di formalità inerenti la sua candidatura.
Qualcuno sta usando la questione per delegittimarla.
Noi non cadremo nel tranello. Siamo con te Piera.

Salvatore Calleri per la Fondazione Caponnetto

Tratto da: antoninocaponnetto.blogspot.com

Indagata per falso Aiello (M5s), non poteva candidarsi
Trapani. Piera Aiello, 51 anni, la testimone di giustizia eletta alla Camera nella fila del M5S, è indagata per falso in atto pubblico dalla Procura di Sciacca. L'indagine è legata alla sua candidatura: all'Ufficio anagrafe del Comune di Partanna, dove la parlamentare e' nata, il nome Piera Aiello, non esiste più, non è certificabile, proprio per la sua condizione di testimone di giustizia. Secondo i pm la deputata, per candidarsi in Parlamento, con questo nome "congelato", ha compiuto delle forzature.

ANSA

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy