Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

 
Lecce.
"Bisogna una volta per tutte costruire una nuova classe dirigente che oltre alla professionalità, allo sfruttamento delle tecnologie, abbia uno scudo forte che è quello del senso di appartenenza, di far parte di una squadra che si chiama Stato, che si chiama Regione, chiama Comune e che sia in grado di reggere alle infiltrazioni nella pubblica amministrazione". Lo ha detto il direttore della Dia, Giuseppe Governale, a latere di un incontro con gli studenti dell'Unversità del Salento svoltosi nel campus di Ecotekne a Lecce.
"Le mafie italiane si sono sempre nutrite dalla pubblica amministrazione, considerata da loro una grossa mammella da cui attingere - ha detto Governale - da qui la necessità di costruire una nuova classe dirigente. L'Italia sta vivendo un momento importante nel contrasto alla criminalità organizzata perché lo scenario rispetto agli anni 70 e 80 è completamente cambiato e questo fa sì che le nuove organizzazioni criminali non possano essere sconfitte solo sul piano investigativo e su quello 'militare'". "Loro hanno capito che c'è un'offensiva di questo tipo e - ha concluso - come hanno fatto in altre epoche si sono fatte  incudine pensando un domani di tornare poi ad essere martello".

ANSA
 

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy