Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

tg 1 mazzolaA Speciale TG1 di Maria Grazia Mazzola, la nuova emergenza italiana: l’esplosione di violenza e il nichilismo dei giovanissimi con le baby gang e i baby boss. I ragazzi raccontano: “Dietro le mafie o il carcere o la morte”. Un documento da non perdere.
In Italia un giovane su quattro tra i 15 e i 19 anni non studia e non lavora ma al sud i dati esplodono: oltre il 30% i ragazzi invisibili. Dalle estorsioni allo spaccio di droga, i minori a rischio sono preda dei clan a Bari. Il racconto testimoniale dell’aggressione mafiosa subita da Maria Grazia Mazzola nel quartiere Libertà di Bari mentre poneva domande al clan Caldarola-Laera sui loro figli.
Cosa c’è dietro i raid del branco di adolescenti che hanno insanguinato Napoli? Abbiamo intervistato la Procuratrice per i minori di Napoli Maria de Luzenberger. Abbiamo sentito le vittime, le madri e siamo entrati nel carcere di Nisida dove sono ristretti i responsabili delle aggressioni e degli omicidi degli ultimi mesi. Un racconto che si snoda tra aggrediti e aggressori.
Le telecamere di Speciale TG1 entrano nel Programma ‘Liberi di Scegliere’ del Tribunale per i minori di Reggio Calabria oggi diventato protocollo nazionale: parlano i figli dei boss che lasciano le ‘famiglie’ per essere  affidati a famiglie di volontari del nord formati da ‘Libera’, parlano anche le madri. “C’è una rete - spiega il Procuratore Nazionale Antimafia Cafiero de Raho - che accoglie le mamme e i figli delle mafie che rinnegano i clan”. Una vera rivoluzione. Milano, Napoli e Bari, gli adolescenti e i giovani sono i veri protagonisti di Speciale TG1.
Con ‘Ragazzi dentro’ raccontiamo anche quell’Italia che spesso non si vede in tv: un popolo con le lampade in mano, i volontari, maestri e preti di strada che vanno a cercare i giovanissimi in difficoltà. Da don Luigi Ciotti a don Claudio Burgio della comunità Kairos di Vimodrone, da Cesare Moreno presidente dell’associazione ‘Maestri di strada’ di Napoli, a don Gino Rigoldi cappellano dell’Istituto di pena minorile Beccaria, a don Armando Zappolini presidente del Coordinamento Nazionale delle Comunità di accoglienza con 16.000 operatori e 7000 volontari, a don Francesco Preite del ‘Redentore’ dei Salesiani di Bari.
“A Milano - dicono i ragazzi intervistati - dove detta legge la cultura dello sballo, c’è un’esplosione di rabbia ,al sud sono le famiglie mafiose o quelle del degrado a generare violenza sui figli".
La scuola pubblica, la dispersione scolastica, gli Istituti tecnici: parlano i docenti anche aggrediti dagli studenti. Possono essere i nostri figli o gli amici dei nostri figli o i loro compagni di classe. Secondo i dati dell’EURISPES, la violenza dei giovanissimi oggi riguarda proprio tutti. "Puoi sbagliare l’inizio - è il racconto di Daniel-ex rapinatore, oggi laureando in Scienze dell’Educazione - ma puoi cambiare il finale”.

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy