Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

rostagno mauro sguardoPalermo. "Le sentenze si rispettano, ma quando vedi che dopo 30 anni si stenta ad ottenere piena verità e giustizia, resta l'amaro in bocca. C'è comunque una certezza, a uccidere Mauro Rostagno è stata la mafia, perché l'impianto accusatorio è stato confermato, ma ancora non sappiamo chi lo ha assassinato". Lo ha detto Giulio Francese, presidente dell'Ordine dei giornalisti di Sicilia (l'Odg si è costituito parte civile) presente in aula nell'udienza conclusiva del processo d'appello per l'omicidio del sociologo e giornalista torinese, assassinato il 26 settembre del 1988 a Valderice, in provincia di Trapani. La seconda sezione della corte di assise di appello di Palermo ha parzialmente riformato la sentenza di primo grado, confermando l'ergastolo al boss Vincenzo Virga, accusato di essere il mandante dell'omicidio, mentre è stato assolto Vito Mazzara, considerato il presunto killer e condannato anche lui in primo grado all'ergastolo. "Aspettiamo di conoscere le motivazioni della sentenza, per capire meglio - ha proseguito il presidente di Odg Sicilia - Ho abbracciato forte, in aula, anche a nome dei giornalisti siciliani, i familiari di Mauro, la cui sofferenza, dopo così tanto tempo di attesa per avere giustizia, continua". "Capisco la loro delusione ma sono certo che continueranno a lottare per arrivare alla verità su questo delitto e l'Odg sarà al loro fianco - ha aggiunto Francese -, nel ricordo di Mauro, il cui coraggio, impegno professionale e passione civile continuano a essere un esempio per i giornalisti”.

ANSA

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy