Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

maggiani chelli giovanna 2 c BramoSestiniIl Procuratore Capo Lari lo chiama un atto dovuto, quello della richiesta di scarcerazione per il Sig. Dell’Utri.
Del resto l’Europa che cura la giustizia italiana e poco sa delle cose di “Cosa nostra” ha scarcerato certo Contrada .
La legge è uguale per tutti, e solo un piccolo cavillo di difficile interpretazione potrà decidere se  far passare il Natale in carcere al Sig. Dell’Utri, oppure riaffidarlo alle cure dei suoi cari.
Bene, la legge è legge e sarà la Magistratura competente a decidere il Natale di Marcello Dell’Utri.
Così come auspichiamo a breve, sia la Magistratura e questa volta quella fiorentina a stabilire se per Marcello dell’Utri sia plausibile un rinvio a giudizio per concorso in strage o meno.
Sono 24 anni che la procura di Firenze accumula fiumi di indagini, moltissime le abbiamo lette anche noi, altre no, per ora non c’è dato e forse dopo 24 anni il momento di fare chiarezza è arrivato. Fare chiarezza nel processo penale,  ora subito, prima che tutti noi le vittime di quella notte del 27 Maggio 1993 saremo ridotti a pensare che siamo nelle mani di uno Stato ben strano.

Giovanna Maggiani Chelli
Presidente
Associazione tra i familiari delle vittime della strage di via dei Georgofili

Foto © Bramo Sestini

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy