Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

maggiani chelli giovanna web0La Consulta si dovrà pronunciare sui diritti dei detenuti di leggere libri a riviste a regime carcerario detentivo speciale di 41 bis.
Siamo proprio curiosi di sapere che uso ne faranno uomini di “cosa nostra” come gli stragisti terroristi di via dei Georgofili, di libri, giornali e riviste.
Si laureano in carcere, si curano in centri all’avanguardia, ora chissà leggeranno libri, riviste e giornali, poi?
I mafiosi della strage di via dei Georgofili hanno figliato ai tempi in cui non c’era la legge che lo consentiva, consegnando liquidi seminali ai loro avvocati, si sono laureati a spese dello Stato, nelle ore d’aria minacciano i magistrati e sparlano di noi, ci manca che “mandino pizzini” di morte con fogli di giornale e saremo al massimo della presa in giro.

Giovanna Maggiani
Presidente
Associazione tra i familiari delle vittime della strage di via dei Georgofili

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy