Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

bruno cacciaSaluzzo, ambienti vicini a giudici dietro omicidio procuratore
Torino. Il magistrato torinese Bruno Caccia, ucciso nel 1983, fu vittima di una "controffensiva" di ambienti criminali nella cui orbita c'erano, fra l'altro, personaggi che "prosperavano vicino alla procura". Lo ha detto oggi Francesco Saluzzo, procuratore generale del Piemonte, durante una commemorazione.
Le indagini dell'epoca accertarono contatti fra alcuni magistrati e un pregiudicato che gestiva un bar a pochi passi dai vecchi uffici della procura. Per il delitto Caccia comincerà a luglio il processo a uno dei presunti esecutori, il calabrese Rocco Schirripa, mentre un altro calabrese, Domenico Belfiore, nel 1993 è stato condannato all'ergastolo come mandante.
"Perdemmo Caccia - ha detto Saluzzo - mentre aggrediva un tessuto criminale insidiosissimo". Dopo aver sottolineato che a Torino le indagini contro la 'ndrangheta si facevano già alla fine degli anni Settanta, il pg ha parlato di "ambienti" che avevano "la complicità o la non opposizione di magistrati opachi per non dire di peggio".

ANSA

TAGS:

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy