Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

L'operazione è stata condotta dal Gico della Guardia di Finanza di Firenze, nel mirino Stefano Condina esponente di primo piano della 'ndragheta
Firenze. Nella mattinata di giovedì 31 marzo i militari del Gico del nucleo di polizia tributaria della Guardia di Finanza di  Firenze hanno dato esecuzione al provvedimento di sequestro in applicazione di una “misura di prevenzione patrimoniale” emessa dal Tribunale di Reggio Calabria, su “proposta” della locale Procura Distrettuale Antimafia. L’intervento è il coronamento di un'indagine di tre anni della "fiamme gialle"  che hanno colpito, anche e soprattutto sul piano patrimoniale, un sodalizio criminale di matrice calabrese operante su tutto il territorio nazionale e coinvolto nell’importazione di ingenti quantitativi di cocaina provenienti dal Sudamerica, dove poteva contare sull’appoggio di soggetti che facevano da tramite con un potente cartello della droga colombiano.

Nel corso di diverse operazioni di servizio, infatti, i militari del Gico di Firenze hanno sottoposto a sequestro più di 280 chilogrammi di cocaina purissima, per un valore complessivo stimato in 10.000.000 di euro, cifra assolutamente indicativa visto che sul mercato sarebbe stata addirittura triplicata dopo l’aggiunta delle sostanze da taglio. Nell’ambito della stessa operazione erano stati tratti in arresto, a seguito dell’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip di Firenze 16 soggetti, risultati essere in organico alle potenti famiglie di ‘ndragheta “Avignone-Viola-Zagari” e “Paviglianiti-Maesano”, originarie di Taurianova e San Lorenzo, molti dei quali da anni trapiantati nelle regioni più ricche del Nord Italia, dove avevano fatto perdere le proprie tracce, riciclando ingentissime risorse nei più remunerativi settori dell’economia legale.

Le più recenti investigazioni dei finanzieri, sono state indirizzate alla ricostruzione dell’ingente patrimonio, del quale l’organizzazione, anche attraverso l’interposizione di prestanome e familiari, poteva disporre in maniera indisturbata. In particolare, le attenzioni delle fiamme gialle si sono concentrate su uno dei principali promotori dei traffici di droga, Stefano Condina di Sant’Eufemia D’Aspromonte, destinatario di due distinte partite di cocaina - per un peso complessivo di 250 chilogrammi - provenienti dal Sudamerica e sequestrate nel corso di altrettante operazioni di polizia presso lo scalo portuale di Gioia Tauro.

L’attività investigativa consentiva di risalire alla disponibilità del Condina di 10 immobili, 2 fabbricati, 6 terreni, 1 società e 2 conti correnti - per un valore complessivo stimato in oltre 1.000.000 di euro – per i quali il Tribunale di Reggio Calabria accordava l’emissione della misura di prevenzione patrimoniale nei confronti del proposto e di suoi prossimi congiunti. La misura patrimoniale eseguita, dunque, colpisce in maniera decisiva, uno dei vertici dell’organizzazione, attraverso la sottrazione
di consistenti capacità economiche, strumento questo che si rivela, ancora una volta, essere decisivo per giungere alla decapitazione di agguerrite organizzazioni criminali, che – senza adeguate risorse – vedono sempre più progressivamente ridursi il loro potenziale offensivo.

iltirreno.gelocal.it/empoli

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy

Stock Photos provided by our partner Depositphotos