Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di Giorgio Ruta
Sul social anche post firmati da qualcuno che si spaccia per la primula rossa di Castelvetrano. La denuncia dell'imprenditrice antiracket Ferraro e del sindaco della cittadina.

messina denaro page facebook

"Happy new year". Firmato Matteo Messina Denaro, con tanto di cuoricini. È l'ultimo post di una pagina Facebook dedicata al boss di Castelvetrano, latitante dal '93. "Matteo Messina Denaro, l'ultimo Padrino di Cosa Nostra", si chiama il profilo seguito da 1185 persone. C'è chi lo ringrazio e chi si rivolge così: "Padrino siete un grande e io ho sparato i fuochi in vostro onore un abbraccio e buon anno 2016 e libertà assoluta e per sempre". Oppure: "Auguri grande Zio".

Gli autori della pagina si rivolgono anche alle forze dell'ordine con messaggi non proprio felici: "Auguroni a tutto il corpo dello stato, con un messaggio: Tempo al Tempo. Cunnuiti". Si va anche oltre: "Sentir cantare il suono del kalashnikov, mi ricorda i bei tempi passati della mia misteriosa gioventù. La stessa fine gliela auguro a tutto il corpo armato dello stato e a tutti i Magistrati. 'Tempo al Tempo'", si legge in un post.
La pagina  -  creata nel 2012 - ha suscitato indignazione. Il primo a chiedere l'intervento della magistratura è stata su Facebook l'imprenditrice antiracket Elena Ferraro. Interviene anche il primo cittadino di Castelvetrano, città natale del latitante, Felice Errante. "Sconcerto, indignazione e tristezza nel leggere quale livello di subcultura può ancora serpeggiare nella nostra città. Un manipolo di disadattati, non sono secondo me semplici idioti, non può costringere una comunità sana a dovere replicare a tali nefandezze. Faccio veramente fatica, prima da cittadino, poi da sindaco a comprendere come si possa inneggiare ad un criminale", dice Errante.

Ma anche sui social non mancano le reazioni di sdegno: "Vergogna", "ammazzatevi", "ho segnalato la pagina", sono alcuni tra i commenti postati nella pagina dedicata a Messina Denaro.

palermo.repubblica.it

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy