Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

gdf-web12di AMDuemila - 22 agosto 2014
Palermo. Sequestrati beni per un valore di oltre 1.7 milioni di euro ad un cinquantenne palermitano, ritenuto appartenente alla famiglia mafiosa della "Noce".
L'operazione è stata messa a punto dalla Guardia di finanza, in esecuzione di un provvedimento emesso dal tribunale di Palermo-sezione misure di prevenzione, su richiesta della Procura.  L'uomo, già arrestato nell'ottobre 2012 nell'operazione di polizia "Atropos", per estorsione ed associazione a delinquere di stampo mafioso, si è visto così sequestrare,
un'attività commerciale e di servizi funebri, beni immobili e mobili, nonché disponibilità finanziarie riconducibili al nucleo familiare, nonché ad un altro soggetto. Quest'ultimo, titolare di una ditta individuale attiva nel settore della piccola distribuzione, ha dichiarato redditi esigui e comunque incompatibili con gli investimenti necessari per l'avvio di un'attività commerciale. Fatti per cui il Tribunale di Palermo ha ritenuto questa attività come direttamente riconducibile al cinquantenne e ricompresa tra i beni considerati frutto delle attività illecite o reimpiego dei relativi proventi, attesa la sproporzione con i redditi dichiarati dal complessivo nucleo familiare.
Le indagini avevano consentito di ricostruire le modalità dell'imposizione del "pizzo" a numerosi imprenditori e commercianti dei quartieri controllati. E all'indagato era stato contestato il reato di estorsione aggravata in quanto, mediante minacce e intimidazioni, erano state imposte ad una società di produzione cinematografica, impegnata a Palermo nelle riprese di una fiction per la tv, assunzioni e prestazioni di servizi non necessari. Per questo, lo scorso maggio gli è stata inflitta una condanna a 10 anni di reclusione.
 
Fonte ANSA

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy