Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

ingroia-antonio-web511 aprile 2014
Palermo. "Dopo venti anni di indagini, processi e condanne, nella totale disattenzione del paese, non sono affatto sorpreso che l'Italia si faccia scappare da sotto il naso un imputato come Marcello dell'Utri, a pochi giorni dall'esecuzione della pena". Lo ha detto all'Adnkronos l'ex procuratore aggiunto di Palermo Antonio Ingroia, ormai fuori dalla magistratura, che ha rappresentato l'accusa nel primo processo all'ex senatore da giorni irreperibile. "Questa vicenda è l'emblema - dice - da un lato del rapporto mafia-politica e dall'altro della impunità di questa collusione, visto che per venti anni ha continuato tranquillamente a fare politica".

Adnkronos

ARTICOLI CORRELATI

Ordine d'arresto, ma Dell'Utri è latitante

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy

Stock Photos provided by our partner Depositphotos