Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

palazzolo-malpensa-19121319 dicembre 2013
Arrestato in Thailandia, deve scontare una condanna a 9 anni di reclusione. Figura di spicco nell'organizzazione mafiosa: puliva il denaro proveniente dal traffico di droga e gestiva i capitali.
E' arrivato questa mattina presso lo scalo di Milano-Malpensa, proveniente dalla Thailandia, Vito Roberto Palazzolo, ricercato in campo internazionale dai primi anni '90 per il reato di concorso in associazione a delinquere di tipo mafioso, dovendo espiare la condanna a nove anni di reclusione. L'estradizione verso l'Italia è giunta alla fine dell'iter processuale thailandese, iniziato a seguito della richiesta di estradizione avanzata dal ministero della Giustizia italiano nel 2012. La competente autorità giudiziaria ha accertato che il principale ''ruolo'' di Palazzolo nell'organizzazione mafiosa Cosa Nostra, è consistito, negli anni, nell'attività di ''riciclaggio e pulitura'' delle ingenti somme di denaro provenienti dai traffici di droga e dal contrabbando di sigarette. Inoltre, spiega una nota della Polizia di Stato, è stato riconosciuto quale una delle più importanti figure dell'associazione criminale Cosa Nostra, inserito da almeno 20 anni nelle dinamiche associative mafiose, con funzioni di cerniera tra il mondo imprenditoriale e la stessa organizzazione mafiosa, con il preciso scopo di consentire la gestione ed il reimpiego dei capitali acquisiti illecitamente. Il latitante era stato fermato nella serata del 30 marzo del 2012 presso l'aeroporto internazionale di Bangkok da personale dell'Immigrazione thailandese, nell'ambito di un servizio di pedinamento ed osservazione condotto da quelle Autorità e tratto in arresto: Palazzolo era infatti da tempo oggetto di particolare attenzione da parte del Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia-Divisione Interpol che monitorava i movimenti migratori suoi e dei familiari, anche in collaborazione con il Segretariato Generale di Lione-Unità di ricerca latitanti. La consegna di Palazzolo alla giustizia italiana è stata possibile grazie alla sinergia interministeriale avviata tra il ministero degli Esteri, il ministero della Giustizia e il ministero dell'Interno che, ognuno per i propri ambiti di competenza, hanno instaurato una fattiva collaborazione con le autorità thailandesi al fine di giungere alla positiva soluzione della vicenda.

Adnkronos

In foto: Vito Roberto Palazzolo al suo arrivo a Malpensa

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy

Stock Photos provided by our partner Depositphotos