Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

gdf-web830 maggio 2013
Firenze. Ad un anno dall'applicazione del sequestro di prevenzione antimafia, eseguito dal Nucleo di polizia tributaria della Guardia di Finanza di Firenze nei confronti di soggetti appartenenti al clan camorristico Terracciano, il Tribunale di Prato ha emesso 7 decreti di confisca di beni per un valore complessivo di 14 milioni di euro. Tra questi figurano: 17 aziende (società immobiliari, di ristorazione, di pulizia, di servizi alle imprese, di gestione di locali notturni); 25 unità immobiliari a Prato, in provincia di Napoli, Milano, Pistoia, Lucca, Firenze e Perugia; 11 autoveicoli (tra cui auto di grossa cilindrata quali Bmw e Mercedes); una scuderia con 21 cavalli da corsa; 74 rapporti finanziari; nonche' i noti marchi di ristorazione 'Sancho Panza' e 'Don Chisciotte ristorante - pizzeria'.
La confisca ha così formalizzato la misura patrimoniale, eseguita nel febbraio del 2012, nei confronti dell'organizzazione criminale capeggiata da soggetti di origine napoletana, Giacomo Terracciano e Carlo Terracciano, già condannati in via definitiva per associazione a delinquere di stampo mafioso.

Adnkronos

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy