Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

carabinieri-web35 dicembre 2012
Firenze. Dietro minacce e danneggiamenti volevano costringere un autotrasportatore di Empoli, che si era indebitato con loro a tassi usurai, a cedere la sua ditta o a lavorare per loro. Si tratta di 6 persone 3 uomini e 3 donne, arrestate stamani al termine di un'operazione condotta dai carabinieri del Nucleo investigativo di Firenze, coadiuvati dai militari dell'Arma di Frascati (Roma) e Torre Annunziata (Napoli), accusati dei reati di usura ed estorsione entrambi aggravati dal metodo mafioso.

Il gip del Tribunale di Firenze Angelo Antonio Pezzuti, a seguito dell'attività di indagine condotta sotto la direzione della Dda fiorentina, ha disposto la misura della custodia cautelare nei confronti di Annalisa De Martino, Nicola Gaudino, Ciro Accardo, Emilia Solimeno, Achille Ascione e Federico Genghi.

Le attività investigative sono state avviate a seguito della denuncia di un autotrasportatore empolese che ha raccontato nel luglio scorso agli investigatori che nel novembre 2010, a causa della crisi economica, si era trovato costretto a rivolgersi agli usurai. In particolare l'imprenditore era stato avvicinato da due suoi ex dipendenti (Accardo e Gaudino) e dalla moglie di quest'ultimo (la Solimeno), che gli hanno fatto incontrare Annalisa De Martino, dalla quale ottenne un prestito di 50 mila euro pattuendo la restituzione della somma di 3 mila euro al mese. (segue)

Adnkronos

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy