Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

16 ottobre 2012
Palermo. Il Tribunale di Palermo ha condannato a otto anni di carcere Rosalia Di Trapani, moglie del boss mafioso palermitano Salvatore Lo Piccolo e madre del boss Sandro Lo Piccolo, accusata di estorsione aggravata. I giudici della quarta sezione del Tribunale hanno accolto la richiesta dei pm Amelia Luise e Annamaria Picozzi. Secondo l'accusa nel 2006, quando venne aperta una grossa macelleria 'Il mercatone della carne', la donna avrebbe dato, su indicazione dei famigliari, al commerciante Pietro Mansueto 'l'autorizzazione' ad affittare i locali. Ma, secondo i pm Rosalia Di Trapani avrebbe preteso il pagamento del pizzo al commerciante Gioacchino Conigliaro. Secondo la Procura la Di Trapani si sarebbe sostituita al marito in quel momento latitante pretendendo in cambio una tangente. 

Adnkronos

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy