Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

 

1 ottobre 2012
Palermo. Riprende oggi davanti alla Corte d'appello di Palermo il processo al senatore Marcello Dell'Utri, accusato di concorso esterno in associazione mafiosa. Sul banco dei testimoni salirà il banchiere in pensione Giovanni Scilabra. Era stato lui a raccontare che nel 1986 "Vito Ciancimino e Marcello Dell'Utri chiesero insieme 20 miliardi di vecchie lire in prestito per le aziende di Silvio Berlusconi alla Banca Popolare di Palermo". Per il pg Luigi Patronaggio questo racconto proverebbe i rapporti tra Dell'Utri e don Vito, sempre negati dall'imputato. Scilabra era il direttore generale della Banca Popolare di Palermo del conte Arturo Cassina, il re degli appalti stradali. L'udienza comincerà a mezzogiorno.

Adnkronos

 

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy