Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

9 maggio 2012
Brindisi. Si chiama 'Die Hard' l'imponente operazione della Polizia di Stato della questura di Brindisi che si svolge in queste ore per eseguire un'ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di 16 presunti aderenti a clan, in particolare nel territorio di Mesagne. Nel provvedimento - emesso dal giudice delle indagini preliminari del tribunale di Lecce, su richiesta dei pubblici ministeri della distrettuale antimafia salentina - si contestano i reati di associazione per delinquere di stampo mafioso, estorsione consumata e tentata, porto e detenzione illegale di arma da sparo, danneggiamento aggravato e incendio aggravato. Nelle fasi esecutive dell'operazione - che avvengono sotto la direzione del Servizio centrale operativo della Polizia di Stato - sono impegnati circa 100 agenti della Squadra mobile brindisina, del commissariato di Mesagne e del Reparto prevenzione crimine, con l'impiego di unità cinofile. Le indagini - coordinate dal capo della squadra mobile brindisina Francesco Barnaba, e svolte dagli agenti della mobile e del commissariato di Mesagne - hanno consentito, secondo gli investigatori, di delineare i nuovi assetti della criminalità organizzata, individuando gli attuali referenti sul territorio. Oltre agli arresti sono in corso numerose perquisizioni domiciliari.

ANSA

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy