Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

21 febbraio 2012
Padova. Gli uomini della Squadra Mobile di Padova hanno sottoposto a sequestro un appartamento in odore di Mafia, sito in zona Arcella, che risultava, secondo quanto riporta oggi il quotidiano «il Mattino» di Padova, nella dispnibilità del figlio di Francesco Muncivì; il giovane è iscritto all'università della città del Santo mentre il padre risulta vicino alla famiglia siciliana degli Emanuello. L'operazione della Mobile patavina è stata attivata su mandato della Polizia di Caltanissetta. Si sospetta che l'appartamento possa essere collettore per attività poco trasparenti. Muncivì risulta infatti avere interessi nell'edilizia (numerose le realtà ricollegabili a lui a Gela) e, lo scorso aprile, è stato arrestato per associazione mafiosa e affiliazione a Cosa Nostra: sequestrati beni per 800 mila euro. L'appartamento al centro degli interessi della Polizia è stato acquistato nel 2005 e pagato 110mila euro.

Adnkronos

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy