Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

24 gennaio 2012
Palermo. Condannato a sei anni di carcere per mafia, vive una latitanza tranquilla a Londra. Il reato di associazione mafiosa nell'ordinamento inglese non è previsto e la richiesta di estradizione fatta dalla Procura di Palermo nei confronti dell'ex capo della famiglia di Trabia, Domenico Rancadore, non è stata neppure presa in considerazione. Il boss ha fatto perdere le sue tracce nel 1994. La notizia della sua presenza nella capitale britannica è di qualche settimana fa. Lì Rancadore, 62 anni, vive con la moglie Ananmaria Culcasi Macaluso, figlia di un ex console, e i due figli. Ex insegnante di educazione fisica, come scrive il quotidiano Repubblica, continua percepire dall'Inpdap la pensione su un conto corrente di una banca italiana a lui intestato. Contro il capomafia, figlio del boss Giuseppe Rancadore, le dichiarazioni di numerosi pentiti che lo descrivono come un personaggio «pericolosissimo».

ANSA

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy